Giu201701

Venerdì 2 giugno presso il Parco Gaspari di Latisana

REALIZZAZIONE DEL MURALES CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO

articolo

Dal Messaggero Veneto del 29 aprile.
Articolo di Paola Mauro

LATISANA. Azzardo bandito. Si basa su un gioco di parole la guerra dichiarata dal Comune di Latisana al gioco d’azzardo, da tempo messo al bando da Latisana, fra i primi Comuni ad aderire al cartello dei sindaci che poi ha portato alla legge regionale che vieta l’apertura di sale per il gioco in determinati ambiti cittadini.

E per rendere evidente questa campagna contro il gioco, la Giunta comunale ha dato il via libera alla realizzazione di un murales che simboleggia molto bene la rovina a cui porta la ludopatia: ideato dall’artista Francesco Patat, in arte Kerotoo, il murales che sarà lungo circa una ventina di metri, sarà realizzato a lato della salita che dal Parco Gaspari porta sull’argine del fiume Tagliamento: «un luogo scelto appositamente in quanto frequentato da bambini e ragazzi. Ed è proprio a loro che il Comune di Latisana si rivolge nell’ambito di una campagna informativa e formativa che mira a sensibilizzare proprio i più giovani a un corretto e consapevole uso del denaro», ci ha spiegato il sindaco Daniele Galizio.

L’artista ideatore e i volontari dell’associazione Art Port saranno al lavoro il prossimo 2 giugno, nell’ambito della Festa delle Associazioni sportive e di volontariato, che sarà ospitata proprio al Parco Gaspari, impegnati nella realizzazione del murales che raffigura la classica apertura utilizzata per inserire le monete, presente sulle slot machine, sui video poker e su qualsiasi altro gioco. All’inizio ci si infila solo del denaro, ma il vizio porta poi a vendere i proprio beni, simboleggiati da una bicicletta, una macchina, una casa, inseriti nella fessura destinata alle monete, per arrivare poi a “giocarsi” la propria vita, rovinata dal vizio del gioco.

«Azzardo bandito è il logo che contraddistingue il materiale promozionale e divulgativo del progetto Fate il vostro gioco, che vede l’assemblea dei sindaci dell’Ambito socio assistenziale impegnata già da qualche anno con iniziative volte a contrastare il fenomeno – ci spiega l’assessore alle politiche sociali e giovanili, Stefania Del Rizzo – e in questo progetto il Comune di Latisana ha ritenuto di accogliere la proposta di realizzare un murales che, simbolicamente e in maniera ben visibile, documentasse la volontà dell’amministrazione comunale di contrastare il gioco d’azzardo. E per questo ci siamo confrontati con l’artista che poi realizzerà l’opera, che ha interpretato molto bene l’intento dell’amministrazione e
infatti nel bozzetto che ci ha sottoposto e che la Giunta ha approvato il messaggio è davvero chiaro e immediato e non ha bisogno di essere spiegato o interpretato. E anche la scelta del luogo porta un messaggio, quello di contrapporre il gioco sano, possibile in un parco, al gioco d’azzardo».

Share